Come arredare sala da pranzo e salotto insieme? Le regole da seguire

Nelle moderne abitazioni gli ambienti non sono più divisi in modo rigido e definito come invece accadeva in passato. A questo si aggiunge anche il fatto che è sempre più frequente avere poco spazio a disposizione, per cui diventa quasi indispensabile creare delle stanze condivise, in grado di soddisfare più funzioni contemporaneamente.

Questo è il caso di quando il salotto e la sala da pranzo convivono, per cui anche l’arredamento deve seguire determinate regole, in modo da risultare armonioso e piacevole, evitando il più possibile di creare sovrapposizioni che rischierebbero di rimpicciolire la stanza.

Sala da pranzo e salotto nella stessa stanza: quali elementi considerare?

Sala da pranzo con tavolo e cucina

Quando si ha la necessità di destinare lo stesso spazio alla sala da pranzo e al salotto, che sia per una questione di metrature ridotte o per scelta, è importante seguire alcune regole, in modo da creare un ambiente fluido e confortevole.

Per prima cosa è necessario mantenere dei punti in comune, in modo da creare una sorta di contatto sotto il profilo estetico. Una soluzione potrebbe essere quella di mantenere un design lineare ed essenziale, utilizzando arredi di materiali e con tonalità cromatiche che siano simili tra loro.

Per quanto riguarda i colori, le indicazioni sono simili a quelle di cui abbiamo parlato per dipingere un salotto e per arredare un soggiorno.

Per chi predilige uno stile dinamico e moderno, si consiglia sempre di optare per colori che rientrano in una scala di grigi. Al contrario, se si vuole creare un’atmosfera più rilassata, allora è sicuramente meglio scegliere nuances più calde e morbide.

Inoltre, la luce gioca un ruolo decisivo, poiché nella disposizione degli arredi bisogna sempre tener conto di come la luce entra dall’esterno, facendo sì che il divano e la tv non abbiano il sole battente per evitare di creare fastidiosi riflessi sullo schermo.

Il tavolo può invece tranquillamente essere posizionato sotto una finestra e i riflessi non daranno alcun fastidio, anzi la luce naturale sarà particolarmente apprezzata durante il pranzo nelle belle giornate soleggiate.

Allo stesso modo, anche la luce artificiale è fondamentale per caratterizzare gli spazi, per una luce a sospensione è indicata per illuminare la zona sopra al tavolo da pranzo, mentre faretti e lampade da terra possono sono utili per creare una luce soft vicino al divano.

Come arredare in poco spazio

Sala con divano e cucina

Quando si ha a disposizione uno spazio ridotto, creare una zona pranzo e una zona living può essere complicato e creare confusione. Ecco perché l’obiettivo è quello di far sì che gli spazi, anche se minimi, siano sempre coerenti e armonici, rispondendo alle proprie personali esigenze.

Si consiglia di iniziare disponendo gli arredi in base alla loro funzionalità di base, magari allestendo il tavolo e le sedie vicino alla cucina, in una zona che sia quanto più possibile luminosa. Ciò significa soddisfare un evidente bisogno pratico, cercando, di conseguenza, di sistemare il salotto dalla parte opposta, creando un punto focale che lo divida dalla zona pranzo.

Visto il limite in termini di metratura, un consiglio potrebbe essere quello di optare per un tavolo rotondo, in quanto vi consentirà di guadagnare spazio e di ammorbidire le linee che faranno un effetto più leggero.

Se poi desiderate comunque delimitare il salotto dalla sala da pranzo, è sempre possibile utilizzare dei complementi d’arredo che aiutino a creare una sorta di parete. L’importante è che il mobile non sia chiuso ma che lasci passare sempre la luce per dare ariosità alla stanza: in questo senso, una libreria con una doppia facciata è perfetta come divisorio.

La percezione dello spazio è spesso guidata dal colore, ecco perché, soprattutto se le dimensioni della stanza sono ridotte, è sempre meglio optare per tonalità chiare e luminose, in modo da avere l’impressione che l’ambiente sia più spazioso.

Possiamo concludere dicendo che l’open space è certamente una soluzione abitativa sempre più apprezzata e sta man mano sostituendo la tradizionale suddivisione tra zona dove si mangia e zona relax.

Infatti, grazie alla fusione degli ambienti, è possibile ritrovare una maggiore luminosità, dando una seconda vita anche agli spazi più piccoli.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO