Come arredare una casa piccola? Le regole da seguire e consigli pratici

Una casa si può definire “piccola” se è di dimensioni dai 40 ai 60 mq. A differenza delle grandi case, in cui gli spazi non mancano, una casa piccola ha tutta una serie di regole da seguire in merito all’arredo, ai colori e alla disposizione, se si desidera vivere in uno spazio sì piccolo, ma non asfissiante.

Case piccole, funzionali e smart è ciò che orienta le scelte di sempre più persone. Ma piccolo non significa brutto, né opprimente. E dal momento in cui in ogni parte del mondo si sta verificando questo cambio di rotta nel settore immobiliare, i designer di interni si sono cimentati in progetti in grado di sfruttare ogni millimetro del mini appartamento, valorizzandolo in termini di comfort e spazio.

Le regole base

Mobili ripostiglio, soppalchi, porte scorrevoli e scale a scomparsa sono solo alcune delle soluzioni da prendere in considerazione per arredare una casa piccola. Ciò che va tenuto a mente è che bisogna sfruttare le pareti in altezza, cercando di occupare il meno possibile lo spazio calpestabile.

Particolare attenzione anche alla scelta dei colori e l’uso di pareti divisorie: sarebbe preferibile orientarsi su un open space per non correre il rischio di ritrovarsi in un ambiente troppo opprimente. Vediamo di seguito più nel dettaglio quali sono gli accorgimenti da adottare per vivere in una casa piccola ma accogliente.

Arredamento: quali mobili, pareti e infissi scegliere?

Le porte se possibile dovranno essere a scorrimento, altrimenti la metà dei mq sarebbe occupata dall’angolo di apertura degli ingressi, e i muri devono essere ben studiati. La questione muro è molto importante, poiché va calcolata la quantità di luce naturale che irradiano le pareti dell’abitazione, per sfruttarla al meglio. Un’idea sarebbe quella di adoperare una parete vetrata o lasciar perdere i divisori e optare per gli open space.

Per dividere comunque i vari ambienti si può ricorrere a tappeti o pavimentazioni differenziate, oltre che a pareti colorate in modo diverso. Usare colori chiari, variandone leggermente l’intensità per delimitare uno spazio, ne aumenta la profondità e dà la sensazione di trovarsi in un ambiente più grande di quanto non sia in realtà.

E per ultimo, ma non meno importante, i soppalchi! Soppalcare tutto ciò che è soppalcabile, facendo naturalmente attenzione a non rendere la casa un insieme di loculi, asfissianti e opprimenti. In genere, ciò che è preferibile sistemare sul soppalco è proprio la camera da letto, ma attenzione alla questione odori: preoccuparsi quindi di studiare bene l’impianto di aspirazione della cucina e la distanza del soppalco/camera da letto da questa.

La camera da letto

Camera da letto

I mobili contenitori sono la prima cosa da introdurre nella tiny house poiché consentono di arredare e allo stesso tempo contenere oggetti che altrimenti occuperebbero spazio prezioso. Un esempio di mobile contenitore è il letto con i cassettoni sotto il materasso.

È possibile scegliere tra struttura a sollevamento o a cassetti estraibili e si tratta di un acquisto obbligatorio, in quanto consente di sfruttare al massimo una superficie molto ampia, che se fosse occupata solo dal letto, costringerebbe a stipare piumoni, cuscini e coperte molto ingombranti negli armadi, che invece vanno ripensati totalmente.

Un altro esempio della praticità dei mobili contenitori sono i comodini, che spesso vengono integrati direttamente nelle strutture dei letti. Per restare in tema “camera da letto”, un consiglio è inoltre quello di preferire un letto a una piazza e mezzo anziché a due piazze.

Salone e cucina

I colori scuri sono banditi, insieme ai grandi mobili e i tavoli fissi. L’abuso di cartongesso e decorazioni superflue e ingombranti va tenuto a bada. La soluzione più funzionale è ovviamente un bel tavolo allungabile, ne esistono di veramente compatti, che diventano poi anche piuttosto lunghi, se prevedete di invitare più persone a cena, qualora gli spazi lo permettano.

Il consiglio per il divano è di prendere un divano letto compatto, che si apra non con rete e materasso ma semplicemente allungandosi. In questo modo, potrete sia utilizzarlo per un eventuale ospite, che allungarlo quando decidete di posizionarvi davanti alla tv e volete espandere momentaneamente l’area relax, senza che normalmente occupi troppo spazio e impedisca per esempio di utilizzare il tavolo comodamente.

Per quanto riguarda la tv, meglio evitare grandi pareti tv che occupano spazio e servono più a riempire che ad arredare, essendo pensate per case di grandi dimensioni. La cosa migliore è rendere la tv mobile, con un carrellino porta tv moderno, che permette di occupare lo spazio minimo possibile. In alternativa, un piccolo mobile tv fisso, basso magari, lasciando spazio per posizionare dei mobili contenitori nella parte alta, ottimizzando anche qui gli spazi al massimo.

Infine, angolo cucina nel salotto o cucina separata? In entrambi i casi la soluzione migliore è ovviamente ottimizzare gli spazi. Abbiamo già visto alcuni consigli su come organizzare la cucina e su come arredarne una di piccole dimensioni.

Ricordatevi che esistono le lavastoviglie slim, quindi se anche avete poco spazio non rinunciate a questa comodità. Spesso, infatti, una delle prima cose che si pensa è che in una casa piccola non ci sia spazio per questo elettrodomestico. Niente di più sbagliato, è proprio in una casa di piccole dimensioni che la lavastoviglie consente di mantenere in ordine i piatti sporchi e non avere accumuli che creano ulteriore disordine.

Il bagno

bagno

Abbiamo già parlato di come arredare un bagno di piccole dimensioni. Prima di tutto prediligete la doccia, perché la vasca ruba davvero troppo spazio. Ovviamente non è detto che sia per voi possibile decidere questo elemento, facendo parte del processo di costruzione o ristrutturazione della casa o del bagno, più che del suo arredamento.

Anche se il bagno è piccolo, posizionate qualche pianta decorativa, magari appesa, anche in alto, e che scenda verso il basso. Un tocco verde in bagno vi aiuterà a controllare l’umidità e a dare un aspetto più spazioso alla stanza, che ricorderà la natura e darà una sensazione di ampiezza che potrebbe altrimenti mancarvi.

Siate molto ordinati nel bagno di piccole dimensioni. Studiate il posto giusto in cui mettere gli asciugamani e gli accappatoi, perché ogni cosa dovrà avere il suo posto, altrimenti lo spazio finirà subito. Non dimenticate un piccolo organizer per tutti i prodotti per il corpo, raccolti in un unico punto e a portata di mano.

Inoltre, può essere un’ottima idea posizionare dei ganci per phon e eventuale piastra o arricciacapelli, affinché non occupino spazio dentro i mobili, che saranno ridotti al minimo.

Conclusioni

Le case piccole possono diventare davvero dei gioiellini se ben arredate. Bisogna sfruttare la loro compattezza per creare ordine e ottimizzazione degli spazi.

Tavoli e divani allungabili, soppalchi, letti contenitore e vetrate, sono solo alcune delle idee che abbiamo visto per rendere l’ambiente ottimizzato al massimo. I colori dovranno essere chiari, ma anche il contrasto con il nero è molto apprezzato se si sceglie uno stile moderno, sicuramente il migliore per dei piccoli spazi in cui si vuole ottimizzare tutto per renderlo essenziale e asciutto, senza fronzoli che rubino spazio prezioso.

Oltre a questo consigli, dovrete solo capire qual è il tocco di personalità che vorrete dare alla vostra casa. Ottimizzando bene ogni angolo, il vostro piccolo appartamento diventerà il rifugio perfetto!

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO