Come costruire una piscina interrata nel giardino della propria casa

Le piscine interrate sono delle vasche permanenti di tipo artificiale ed edilizio costruite scavando nel terreno. Queste vengono riempite d’acqua per essere sfruttate per nuotare, giocare, rilassarsi, rinfrescarsi e completare l’arredo dei giardini. Costruire una piscina interrata nel giardino di casa è diventata una richiesta comune per chi è interessato a creare uno spazio domestico esterno dedicato al relax. Queste possono essere personalizzate al massimo, scegliendo i materiali, le decorazioni e l’illuminazione.

I materiali utilizzati nelle piscine sono tantissimi, dall’acciaio alla plastica sino alla vetroresina. Nel tempo i costi di costruzione e di manutenzione si sono sempre più abbassati, permettendo una diffusione capillare nei giardini di tante case che avevano lo spazio sufficiente per il posizionamento della piscina. Inoltre, va considerato che costruire una piscina interrata nel giardino è anche un buon investimento, perché apporta maggior valore alla casa. Pertanto, si tratta di un’idea doppiamente vincente: area relax + valore addizionale all’abitazione. Una piscina interrata nel giardino domestico consente anche di fare del movimento fisico all’aria aperta, di rinfrescarsi dal caldo estivo e di passare del tempo con i famigliari e gli amici giocando in acqua oppure organizzando dei party o dei picnic sul prato che la circonda.

Ma quali sono i lavori da fare? Quali i tempi e i costi? E le autorizzazioni per la costruzione? In questo articolo vedremo di rispondere a questi quesiti.

piscina in casa

I primi step

Prima di tutto per poter costruire una piscina interrata nel giardino di casa è fondamentale verificare la realizzabilità del progetto, decidere i dettagli, come la forma, la profondità e le dimensioni della piscina desiderata, e richiedere i permessi necessari. Inoltre, si deve anche scoprire presso l’ufficio tecnico comunale se esistono dei vincoli paesaggistici a tutela delle zone rilevanti a livello ambientale, architettonico e storico oppure se sussistono dei vincoli idrogeologici.

È fondamentale che la piscina sia della dimensione giusta, in relazione al numero di individui che la utilizzeranno e allo spazio disponibile. Inoltre, fate attenzione a scegliere un modello e dei materiali idonei a completare il contesto esterno. È infatti bene notare che un modello di piscina interrata non inserito ottimamente nell’estetica del giardino potrebbe rovinarlo e peggiorare il valore del vostro immobile. Per stendere il progetto idealmente si può richiedere l’aiuto di un paesaggista, che riesca ad armonizzare la posizione e la tipologia di piscina con il resto del giardino.

Una volta delineato l’abbozzo del progetto, occorre presentare tale piano a un rivenditore specializzato per ricevere un preventivo con la stima dei costi da affrontare e per un calcolo delle tempistiche.

I lavori da fare

Nello specifico, in riferimento ai lavori da fare per costruire un giardino interrato nel giardino della propria casa, è necessario evidenziare il processo che verrà svolto.

Prima di tutto dovrà esserci un sopralluogo da parte di un’azienda specializzata in cui lavorino esperti architetti, geometri e ingegneri. Verrà individuato il luogo migliore dove interrare la piscina, che sarà nei pressi della rete idrica, fognaria ed elettrica.

Poi verrà creato il disegno della sagoma della piscina. A questo punto si potrà preparare il terreno, che dovrà poter sopportare il peso dell’acqua introdotta nella vasca. Questo è il momento in cui si è pronti per iniziare gli scavi. Considerando gli spazi ridotti di un giardino casalingo lo scavo andrà quasi sempre eseguito con dei miniescavatori, che montano delle particolari benne per miniescavatori, adatte a questa tipologia di lavoro.

escavatore

Dopo lo scavo si procederà allo spianamento delle pareti e del fondo, alla realizzazione della superficie di cemento o calcestruzzo e all’installazione delle tubature, dei sistemi di filtraggio e ricircolo dell’acqua e delle pompe. Sarà fondamentale impermeabilizzare i cavi elettrici e i tubi per l’acqua. Si effettueranno i collegamenti con i sistemi elettrici, fognari e idrici e con il filtro e si passerà poi al montaggio della struttura, alla posa delle piastrelle per il rivestimento. Questo è il momento in cui si lavora sulla personalizzazione della piscina e dell’ambiente a livello estetico, per esempio con l’installazione delle scale o dei gradini d’ingresso e della doccia a bordo della piscina.

I tempi di costruzione

In merito alle tempistiche per costruire una piscina interrata nel giardino della propria casa, si deve prevedere una durata variabile fra una settimana e un mese. Servono ad esempio 3 settimane nel caso di piscine prefabbricate realizzate con pannelli di acciaio, ma possono essere necessari tempi più lunghi in altri casi.

I costi

L’investimento complessivo per costruire una piscina interrata nel giardino della propria casa sono molto variabili. Non tutti i giardini sono uguali e gli studi, gli scavi, i collegamenti da effettuare possono richiedere tempi e lavori differenti.

Per una piscina di media grandezza, un prezzo orientativo può essere fra i 10.000 e i 30.000 euro, a seconda dei materiali usati, dal tipo di struttura scelta e dalla velocità di esecuzione dei lavori della ditta selezionata.

villa con piscina

Inoltre, progettando la piscina interrata nel giardino di casa propria, bisogna anche prendere in considerazione i costi di manutenzione per conservarla pulita, sicura e funzionante e per proteggerla con delle coperture idonee nei periodi d’inutilizzo. Per la pulizia ci sono sempre più strumenti che permettono di svolgerla in autonomia, anche senza chiamare uno specialista, come abbiamo visto nell’articolo dedicato agli strumenti e i consigli per pulire il fondo di una piscina. Per la sicurezza e la manutenzione tecnica però è sempre necessario rivolgersi a dei professionisti.

I fattori che incidono maggiormente sul costo finale di una piscina interrata nel giardino della propria casa sono questi:

  • le opere edilizie necessaria;
  • la grandezza, la profondità e la forma della vasca;
  • la pavimentazione;
  • il sistema di filtraggio;
  • i materiali di costruzione scelti;
  • i complementi d’arredo;
  • l’illuminazione;
  • l’idromassaggio;
  • le strutture di copertura;
  • la manutenzione.

I permessi

Per costruire una piscina interrata nel giardino di casa propria servono i seguenti titoli edilizi:

  • La D.I.A.. vale a dire la Dichiarazione di Inizio Attività per gli interventi edilizi, che da sola basta per le piscine di media grandezza in ambito residenziale ed è assoggettata alla norma del silenzio-assenso dopo un mese. Tempo durante il quale il comune potrebbe opporsi, ma superato il quale è possibile procedere alla costruzione della piscina interrata nel giardino della propria casa.
  • Il permesso di costruire. Si tratta un’autorizzazione amministrativa rilasciata dal comune per poter trasformare il territorio a livello urbanistico ed edilizio. Serve nel caso la piscina non sia di pertinenza dell’edificio principale o superi il 20% del suo volume oppure siano presenti dei vincoli di tipo paesaggistico.
  • L’Autorizzazione edilizia. È una pratica ormai in disuso, tuttavia potrebbe essere ancora valida nei comuni impreparati nel gestire gli aggiornamenti normativi in vigore.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO