Come disporre i quadri in camera da letto? I consigli da seguire

L’arte è tra le manifestazioni emozionali più belle che esistano al mondo. Questa può essere espressa attraverso diverse forme e in differenti tipologie di contesto. Tra le più apprezzate ed immediate figura sicuramente la pittura e di conseguenza il mondo dei quadri e delle cornici.

Affiggere un quadro nella propria abitazione offre bellezza e meraviglia e lo si eleva ad un livello ancora superiore se si decide di allestire la camera da letto, vero e proprio luogo di riposo e intimità della coppia o del singolo.

quadro camera da letto

Per quanto la disposizione di un quadro possa sembrare semplice, abbiamo già visto che è meglio seguire delle regole di disposizione dei quadri per essere sicuri del risultato finale. Nelle prossime righe andremo a vedere più da vicino come disporre i quadri in particolare nella camera da letto, al fine di avvicinare l’arte alla propria personalità e buon gusto.

Le dimensioni

I quadri e le rispettive cornici possono essere di diverse dimensioni. È importante nella disposizione dei quadri in camera da letto che questi siano proporzionati alle dimensioni non solo della camera, ma soprattutto della parete su cui verranno affissi.

Per le pareti frontali al letto matrimoniale è consigliabile posizionare quadri piccoli che diano profondità alla camera, mentre per i quadri sulla parete del letto si può optare anche per quadri grandi e prospettici.

quadro grande camera da letto

Simmetria o asimmetria?

Se si vogliono posizionare più quadri nella stessa parete, sarà necessario valutare gli abbinamenti tra di essi. Punto chiave della disposizione di un quadro in camera da letto è la scelta di un’installazione simmetrica o asimmetrica. Entrambe le soluzioni sono percorribili, quindi non abbiate timore di osare!

Pensare di posizionare tanti quadri su una stessa parete può essere una soluzione interessante. Se deciderete di optare per una scelta simmetrica, fate in modo che le cornici e gli apici dei quadri formino figure ben definite e diano ordine alla parete.

Per chi invece detesta la simmetria e vuole disporre i propri quadri in modo asimmetrico, la soluzione del “caos calmo” può essere quella ideale. Tale modo di posizionare i quadri si identifica nell’affiggere le cornici in modo che non siano mai simmetriche tra loro e diano una sensazione di vortice. Per quanto possa risultare suggestiva è consigliabile questa metodologia sono in stanze da letto molto colorate e con arredamenti moderni. Inoltre, evitatele nella parete di fronte al letto, perché questa disposizione non è particolarmente rilassante da guardare prima di addormentarsi. È invece molto bella se avete una scrivania in camera, a simboleggiare l’area “giorno” e differenziarla dall’area “notte” (quella del letto), della vostra stanza. Una soluzione molto bella anche per la camera dei ragazzi, che hanno quasi sempre una scrivania nella loro stanza.

Cromatura e colori

Uno dei metodi più utilizzati per disporre i quadri in camera da letto e non solo, è quello di differenziarli per cromatura. La scelta di dividere i quadri colorati da quelli in bianco e nero su specifiche pareti garantisce un risultato sempre elegante ed adatto a tutte le tipologie di arredamento.

camera con piccoli quadri

Lo stile

È consigliabile disporre i quadri a seconda dello stile della stanza, cioè adeguare le rappresentazioni del quadro al proprio arredamento a seconda dello stile più conforme.

Un arredamento moderno incentrato su colori forti come il blu o il viola si abbinano perfettamente a quadri con tematiche astratte e che abbracciano pittori all’avanguardia.

Mentre un arredamento più classico, elegante e sobrio si abbina perfettamente ad uno stile pittorico intimistico ed ambientale.

In “testata”

Quando si posiziona il quadro ì sulla parte superiore della parete in cui poggia il letto matrimoniale si definisce in “testata”. Ci sono diverse correnti di pensiero per quanto riguarda le regole da seguire per questo particolare punto della camera. Come sappiamo, oltre alla possibilità di posizionare un quadro, ci sono tante altre soluzioni per arredare la parete dietro il letto, ma sicuramente la soluzione di posizionare un quadro è sempre la più utilizzata.

Disporre sulla “testata” un quadro di dimensioni grandi accentra completamente l’attenzione dello spettatore verso il letto matrimoniale, è opportuno quindi che questo raffiguri un paesaggio o un soggetto in prospettiva, così da dare profondità e fascino a tutto l’ambiente circostante.

La “testata” può essere anche composta da tanti piccoli quadri che diano una sensazione di unicità, ma in questo caso risulta essere più complicata la gestione dello spazio e della profondità di campo.

Conclusioni

Esistono diversi modi di disporre i quadri in camera da letto, dalla scelta dei colori, alla scelta di una composizione simmetrica o asimmetrica, il tutto da abbinare allo stile dell’arredamento della stanza.

Ma non dimentichiamo che i quadri della camera da letto devono rappresentare la personalità di chi ci dorme, conferendo alla stanza quel senso di casa e rifugio che solo la nostra camera da letto ci sa dare.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO