Come illuminare la casa senza lampadari: le soluzioni per ogni stanza

Quando si parla di complementi di arredo di una casa si pensa solo ai mobili e quasi mai all’illuminazione. La luce dentro casa ha un grande importanza perché valorizza linee e colori dello stile dell’arredo che la caratterizza. Purtroppo il compito d’illuminare gli ambienti dove viviamo e passiamo gran parte del nostro tempo, viene relegata troppo spesso al lampadario, con un effetto di luce a pioggia tra i meno indicati per creare un ambiente confortevole. Ma è possibile illuminare bene la casa senza lampadari? La risposta è sì, vediamo come.

Come illuminare la casa senza lampadari

Oggi le nuove tecnologie ci danno l’opportunità di trovare soluzioni per illuminare la nostra casa senza l’uso dei lampadari. I classici lampadari non permettono una diffusione della luce in maniera omogenea, al contrario, illuminano in maniera eccessiva o insufficiente, creando delle zone d’ombra che spengono l’armonia della casa nel suo insieme.

camera da letto con faretti

Una soluzione di tendenza nella progettazione dell’illuminazione di casa la offre l’installazione di più punti luce a parete con diffusione verticale, dal basso verso l’alto, distribuiti in maniera più perimetrale dell’ambiente che vogliamo illuminare, invertendo la tendenza del mono punto luce a soffitto come è, appunto, il lampadario. I faretti, le applique da parete e le lampade a piantana, consentono d’illuminare la nostra casa con una diffusione più dinamica distribuendo la luce in maniera mirata e non casuale.

Diverse luci per diversi ambienti

Optare per un’illuminazione a più punti luce usufruendo di diverse tipologie di faretti, applique a parete o lampade a piantana, ci consente di creare differenti atmosfere, sia in uno stesso ambiente, sia in ambienti diversi.

Camera da letto

Per esempio, una camera da letto avrà bisogno di un tipo di luce che crei un ambiente intimo, che stimoli il relax.

Un’idea per illuminare una camera da letto potrebbe essere quella di dare più valore alle così dette lampade da comodino, chiamate abat jour. Si possono per esempio scegliere delle lampade orientabili che diano la possibilità di regolare il calore della luce.

camera da letto

Il senso del lampadario potrebbe essere sostituito da una rosa di faretti orientabili a soffitto, in posizione centrale o laterale, magari sopra le tende, controllabili sia dall’ingresso della stanza sia dal letto con dei relè.

Per dare profondità all’ambiente una o due lampade a piantana sul lato opposto del letto permettono di uniformare l’ambiente.

Sala da pranzo

Certamente una sala da pranzo ha delle esigenze diverse. La luce nella sala da pranzo come in cucina, anche perché spesso questi due ambienti coincidono, ha un ruolo diverso, più pratico, dove abbiamo bisogno di distinguere gli oggetti intorno a noi. Quindi sarà necessaria una illuminazione chiara con un alto grado di saturazione.

In questo senso le lampade Led sono la soluzione ideale, installate su tutta la cornice della stazza, possibilmente a scomparsa, quasi a coronarla; l’effetto che se ne ricava è una illuminazione omogenea priva di ombre.

Mentre per il piano cottura, dei faretti direzionali installati sulla verticale del piano di lavoro consentono una visibilità lucida e funzionale.

Studio

Uno studio avrà certamente bisogno di un tipo di illuminazione che aiuti a focalizzare la concentrazione, quindi sia luci dirette che luci ambiente.

studio

Un’idea per illuminare uno studio senza lampadari potrebbe essere questa: lampada da scrivania direzionale con luce bianca dolce certamente a Led, una lampada a piantana posizionata difronte alla scrivania per neutralizzare la luce dello schermo del computer e altre due punti luce a parete negli angoli opposti rispetto alla scrivania.

In questo modo il piano della scrivania non sarà mai in ombra e allo stesso tempo non esposto ad una luce diretta.

Soggiorno

Per quanto riguarda il soggiorno, invece, un’illuminazione che prescinda dal lampadario, potrebbe essere disposta in questo modo: certamente abbiamo bisogno di neutralizzare la luce della televisione, quindi una applique dietro lo schermo o anche una piccola lampada a piantana sarà utile in questo senso.

In secondo luogo abbiamo bisogno di creare un ambiente rilassante senza separazione netta tra ombra e luce. I faretti a parete ci danno l’opportunità, giocando con diverse orientazioni, di avere una diffusione omogenea dove sia possibile distinguere le cose attorno a noi senza esser accecati da una fonte luminosa diretta.

Anche le lampade a piantana possono servire in questo senso con il vantaggio di poter essere spostate a piacimento tutte le volte che sentiamo la necessità di cambiare la disposizione dell’illuminazione nel soggiorno o nella casa in generale.

L’opportunità che ci offre una illuminazione diversificata e pensata è proprio quella di poter creare ambienti con gradi di luce diversa a seconda della destinazione d’uso dell’ambiente stesso. Gli ambienti della casa devono essere luoghi dove sentirsi a proprio agio con le persone e con gli oggetti che ci circondano, sostituendo l’idea classica dell’illuminazione con una diffusione di luce che acquisisca il valore di una vera e propria esperienza sensoriale.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO