Come nascondere un brutto muro in giardino: idee e consigli

Può capitare di avere un muro brutto in giardino, che ha delle imperfezioni che non ci piacciono, o da cui magari non riusciamo proprio a togliere via la muffa. Purtroppo non sempre un giardino nasce dopo un’attenta progettazione e può capitare che ci siano muri antiestetici. In questo caso non resta che ricoprirlo! Ecco allora qualche idea che può aiutare.

Piante rampicanti

Tra le idee più facili da realizzare per coprire un muro antiestetico abbiamo quella di comprare delle piante rampicanti e farle crescere sulla parete che non ci piace. Ce ne sono di numerosi tipi, quindi si possono anche creare delle bellissime composizioni accostando specie diverse tra di loro.

Magari il muro non sarà nascosto immediatamente, ma anche nel giro di un anno potremo ottenere una bellissima parete verde: alcune piante crescono anche 3-4 metri l’anno!

Ecco tre rampicanti semplici da curare e “veloci” nel crescere in altezza.

Vite americana (ampelopsis)

vite americana

La vite americana è tra le scelte più pratiche perché non necessita di una struttura di supporto per la crescita. Le sue foglie sono palmate e riescono ad avere presa anche su di un muro liscio.

Inoltre, i colori del fogliame non sono niente male: verde chiaro in primavera e rosso brillante in autunno. Questa pianta necessita di un’esposizione in pieno sole. Ricordatevi infatti che ogni pianta ha la sua giusta collocazione nel giardino in funzione non solo dell’estetica ma anche delle sue esigenze, quindi bisogna saper scegliere la pianta giusta per ogni punto del giardino.

Glicine (wisteria)

glicine

Il glicine è una specie molto resistente e sicuramente gradevole alla vista. A marzo-aprile nascono i suoi meravigliosi grappoli profumati, che a seconda della specie variano di colore: blu-lillà, rosa o bianco.

Questa pianta, a differenza di quella precedente, necessita una struttura di base, ma sono sicura che questo non sarà un’ostacolo: ne esistono di moltissime, sia prefabbricate sia fai-da-te.

Sarebbe meglio esporlo al sole, ma se non ne avete la possibilità anche la leggera ombra va bene, semplicemente la fioritura sarà meno abbondante e arriverà più tardi.

Gelsomino marzolino (jasminum polyanthum)

gelsomino

Il gelsomino marzolino è una specie di gelsomino con le foglie sempreverdi e una fioritura profumata con fiori bianchi-rosati larghi fino a 2cm. Se coltivato in piena terra può arrivare addirittura a 6m di altezza, ma anche in vasi grandi potrà andar bene! Ricordate di collocarlo in pieno sole e al riparo dal vento.

Un aspetto da tenere a mente se si vuole comporre una parete di piante rampicanti è la loro vicinanza a pozzetti o tubature, potrebbero penetrare e occluderli, quindi attenzione!

Giardino verticale

Un’alternativa alle piante rampicanti è quella di creare un giardino verticale. Ce ne sono di moltissimi tipologie ormai, sia da acquistare prefabbricati, sia da fare autonomamente. In entrambi i casi, vi basterà fare qualche ricerca su internet per trovare quello che più si adatta a voi.

Io, ad esempio, ne ho creato uno piccolo con delle semplici cassette per la frutta, ma c’è chi ha usato reti metalliche, strutture in legno, casse di vino… riuscirete sicuramente a trovare qualcosa che vi piace!

Pallet-fioriere

Un altro modo può essere quello di recuperare dei pallet di legno da installare poi in verticale e trasformare in fioriere! I pallet abbiamo già visto che sono una soluzione molto moderna e apprezzata anche per pavimentare il giardino in maniera economica o per arredare la sua area relax in maniera ecologica, grazie al riciclo, creando mobili fai da te.

pallet

Una volta recuperati i pallet necessari, a seconda delle dimensioni del nostro muro, bisogna porli in verticale e “chiudere” il lato inferiore di quelli che saranno i vani per le nostre piante. Questo passaggio si può fare con vari materiali diversi: legno, reti metalliche… l’importante è che siano resistenti e fissati bene!

A questo punto potete decidere se dipingere i vostri pallet con una vernice per legno del colore che preferite, oppure lasciarli al naturale e distribuire con un pennello un prodotto che protegga il legno dagli agenti atmosferici.
Il prossimo passaggio è mettere gli stop al muro, prendendo le apposite misure: i pallet andranno fissati con delle viti nelle assi di legno verticali. L’importante è che siano fissate almeno due delle quattro assi.

Ora tutto è pronto: non resta che rivestire l’interno dei vani per poi metterci la terra e i fiori. Questo potete farlo con ciò che preferite, purché abbia dei fori nella parte inferiore per lo scolo dell’acqua. Se vi piace, potete anche verniciare le assi orizzontali (quindi quelle tra cui sono poste le piante) con della pittura lavagna, così da poterci scrivere sopra i nomi delle specie che avete piantato!

Bambù

Quest’idea è davvero semplice e veloce: se vi piacciono le piante di bambù, avete trovato la soluzione al vostro muro! Vi serviranno dei vasi profondi, un’esposizione al sole costante (almeno 8 ore) e un terriccio marnoso, arricchito con sostanze organiche adeguate prima di mettervi la pianta. Alla base è opportuno preparare un sottofondo argilloso fatto con terra composta, sabbia, limo e argilla.

Superate queste procedure di partenza, potete trasferire i bambù acquistati nei vostri vasi: cresceranno creando una bellissima parete naturale. Ma ricordare di annaffiarli spesso e di coprirli d’inverno!

bambù

Doghe di legno

Quest’ultima idea consiste nel creare un altro muro sopra a quello preesistente con delle assi di legno, poste in orizzontale, lasciando tra queste un leggero spazio, così da poter appendere tra un’asse e l’altra portavasi, mensole, e tutto ciò che preferite.

Servirà procurarsi delle assi di legno lunghe quanto l’altezza del vostro muro – o fino a dove volete rivestirlo – da fissare su quest’ultimo con degli stop. Una volta avvitate, spennellate con una vernice che protegga dagli agenti atmosferici e poi procedete nel fissare le assi orizzontali, che stavolta dovranno essere lunghe quanto la larghezza del vostro muro. Fissatele con delle viti abbastanza lunghe, ogni volta che si incrociano con quelle verticali.Ora spennellate anche queste con la vernice protettiva, ed avrete finito!

Non resta che rendere questo spazio personale, con portavasi, mensole, lucine per esterni, decorazioni, e tutto ciò che preferite! Per rendere questo nuovo muro più stabile, vi consiglio di fissare le assi verticali alle due estremità del muro e con massimo un metro di distanza tra di loro, per quelle orizzontali invece decidete voi stessi quanti centimetri lasciare tra una e l’altra, secondo il vostro gusto.

Piccoli consigli

Se rivestire completamente il muro non è nei vostri piani, potete sempre provare uno di questi piccoli consigli:

  • Unire qualche cassetta della frutta, abbastanza robusta, e appenderla al muro con degli stop, in modo da avere la parte con il “vano” verso di voi. Così potrete sfruttarle come mensole su cui disporre vasi, utensili per il giardinaggio, lucine, e molto altro!
  • Appendere dei “quadri” di piantine: procuratevi una cornice profonda almeno 5 centimetri, togliete il vetro e al posto del vetro fissate una rete a maglie larghe circa 2 centimetri, con la colla a caldo. Ora riempite di terra e di piantine il vostro quadro, avendo cura di far passare le piante tra i buchi della rete senza rovinarle. Potete appenderlo tranquillamente, le piante non cadranno! Questa è un’opzione molto versatile, si può fare con piante grasse, fiori o piccole sempreverdi.
  • Comprare degli alberi e disporli come più vi piace. Non importa se non avete la possibilità di trasferirli in terra, ci sono tanti alberi che possono stare in vaso, come il limone e i piccoli agrumi, gli alberi da frutto nani, il melograno o l’alloro, che copriranno bene il vostro muro.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO