Come pulire bene il bagno per igienizzarlo e renderlo splendente

La pulizia del bagno è forse quella più complicata e importante della casa. Un bagno pulito consente di avere un luogo sicuro, libero da germi e batteri, per potersi dedicare alla propria persona con serenità. Vediamo come fare.

Il materiale necessario

Spugne

Per prima cosa occorrono le classiche spugne ma anche i panni in microfibra. Le spugne, magari quelle con un lato abrasivo, saranno utili per togliere le incrostazioni, mentre i panni di microfibra saranno utili per tutte le superfici lisce o di vetro, compreso lo specchio.

Sarebbe poi bene prevedere una spugna per la pulizia del wc e un’altra per la pulizia di tutto il resto, per una maggiore igiene. Assieme a spugne e panni in microfibra, gli alleati della pulizia sono ovviamente saponi e disinfettanti.

In bagno non si deve risparmiare sulla qualità dei prodotti. Occorrono gel e disinfettanti di buona qualità. Quel poco in più che si spende, si ritroverà nella maggiore pulizia e profumo tipico di un bagno ben pulito, oltre che della possibilità di usare meno prodotto a parità di risultato, dando anche un aiuto all’ambiente.

Nel bagno ogni cosa ha le sue regole di pulizia

La pulizia del bagno è piuttosto complessa in quanto prevede diversi tipi di interventi. Per i sanitari, i luoghi più a rischio per la proliferazione di germi e batteri, occorre intervenire con prodotti che puliscano e disinfettino a fondo. Un’idea corretta è quella di usare spesso gel igienizzante per l’interno del water. Lasciandolo agire questo eliminerà il calcare e i residui di sporco dal wc. Esistono infatti molti prodotti in commercio che hanno anche proprietà anticalcare e antibatteriche.

Si possono anche usare rimedi più semplici e naturali. L’uso dell’aceto è indicato per la funzione anticalcare mentre il bicarbonato di sodio per togliere i cattivi odori. Per la pulizia esterna non vanno dimenticati, oltre che i bordi, anche le cerniere del water, oggetto di possibile ruggine. Per il bidet e la vasca è possibile procedere con prodotti igienizzanti, ma l’importante è farli agire per qualche minuto così da avere il massimo risultato. Molto utili sono quelli a base di acido citrico. Come abbiamo già visto, il problema della vasca può essere più complesso quando questa si ottura, ma con rimedi anche naturali si riesce a risolvere questo disguido.

La candeggina rimane il prodotto più indicato per la pulizia del bagno nel suo complesso, sia per il wc sia per la pulizia delle piastrelle del pavimento. Purtroppo è molto inquinante, quindi sarebbe bene usarla comunque con parsimonia. Se avete necessità di sbiancare i sanitari macchiati, potete optare per il bicarbonato per esempio, ottimo alleato anche contro i cattivi odori.

Pulizia del lavandino, attenzione anche agli spazzolini

Per pulire il lavandino si possono utilizzare i detergenti per la pulizia bagno in commercio. Ormai quasi tutti i prodotti contengono più principi disinfettanti e sono di facile utilizzo essendo spray.

In questa fase, occorre prestare attenzione anche alla pulizia degli spazzolini. Pulire il bicchiere porta spazzolini è una buona prassi. Nel fondo infatti si depositano calcare e germi. Anche qui la pulizia del lavandino deve essere approfondita onde evitare residui di calcare o zone poco igienizzate.

Prodotto specifico, prodotto multifunzione o vapore?

Prodotti per la pulizia

In generale la regola è: la qualità si paga. Pagare poco un prodotto multifunzione potrebbe riservare una brutta sorpresa ed essere una pessima scelta. Di solito i prodotti specifici, specialmente anticalcare, funzionano meglio e più a fondo dei prodotti multifunzione. Sarebbe buona pratica disporre comunque di entrambi al fine di alternare le pulizie e concentrarsi volta per volta su cosa serve pulire.

Un’alternativa oggi non troppo esosa ed ecologica è quella di ricorrere al vapore. Oggi ci sono macchinari per tutte le tasche che consentono di utilizzare la forza del vapore per eliminare incrostazioni e germi. I vantaggi di questo tipo di pulizia sono l’economicità d’impiego nonché l’assenza di prodotti chimici. Innegabile vantaggio è quello di poter mandare vapore anche all’interno delle tubazioni, perlomeno nella parte superficiale, per una maggiore pulizia. Uno dei modelli più famosi è sicuramente il Vaporetto Ponti, di cui avrete senza dubbio sentito parlare.

Uso e mantenimento del bagno

Mantenere il bagno pulito è la cosa più difficile. Questo andrebbe pulito una volta al giorno ma come si sa, il bagno viene usato molte volte al giorno. Sia che si usino i sanitari, la doccia o il lavandino, il bagno tende sempre a sporcarsi.

Il consiglio è cercare di mantenere una buone prassi anche nell’uso quotidiano. Per esempio, una volta utilizzata la doccia, può essere utile sciacquare e asciugare il box per evitare la formazione del calcare. Come sappiamo il box doccia non pulito regolarmente accumula lo sporco e poi è necessario disincrostarlo come abbiamo già visto. Similmente, quando si usano i rubinetti, si può procedere ad asciugarli così da evitare quei fastidiosi aloni.

Pulire il bagno è un’attività dispendiosa ma necessaria. La buona notizia è che si possono utilizzare prodotti chimici e naturali per ogni necessità e che non esiste uno sporco imbattibile!

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO