Come pulire la ghiaia del giardino da foglie, erbacce e polvere

La ghiaia, esteticamente parlando, è un’ottima soluzione per una pavimentazione esterna di passaggio. Ma può essere utilizzata anche per piccole aiuole o piccole porzioni terreno decorative. Il ciottolato all’occhio offre una pavimentazione ordinata, fresca e pulita, e allo stesso tempo è un buon alleato per combattere il fango e la pioggia. Esso, infatti, pur drenando l’acqua, evita la formazione di pozzanghere, lasciando libero il passaggio e pulite le vostre scarpe.

La ghiaia, inoltre, oltre ad essere una buona soluzione per gli esterni, è economica e di facile realizzazione. Il suo costo si ammortizza facilmente nel tempo, data la sua durata Quindi come si pulisce una pavimentazione a ciottoli? Il processo di pulizia della ghiaia in giardino, può sembrare noioso e lungo. Tuttavia se si hanno le giuste accortezze, prenderci la mano non è difficile.

I problemi della pavimentazione a ciottoli sono principalmente due: le erbacce e il fogliame. Tra i sassi è facile che delle porzioni di suolo rimangano scoperte, dando modo al terreno di respirare. Da questi piccoli buchi nascono le erbacce, fastidiose allo sguardo, e altrettanto fastidiose da togliere.

Aiuola con ghiaia

Contro le erbacce e il fogliame

Un buon metodo per prevenirne la crescita è l’installazione di un telo drenante sotto i ciottoli in fase di realizzazione della pavimentazione. Per la rimozione invece è consigliabile utilizzare una zappa. La zappa infatti muove i sassi eliminando le erbacce, senza bisogno di prodotti chimici che rovinino il terreno e la ghiaia. Dopodiché sarà sufficiente passare il rastrello per spianare la superficie.

Un altro metodo per la prevenzione della crescita di erbacce è il sale chimico. Spargere del sale farà seccare le erbacce e non ci sarà bisogno di sudare sulla zappa. Il sale chimico si trova in negozi specializzati per prodotti agricoli, non è come il normale sale commestibile.

Per il fogliame invece, come per qualsiasi altro residuo che può essere rimasto a terra, sarà sufficiente l’utilizzo di una scopa. Successivamente, come potrete immaginare, basterà raccogliere le foglie e gettarle. Un metodo forse più veloce è quello che implica l’uso di un soffiatore. Con il soffiatore potrete raccogliere più velocemente il fogliame e rimuovere le foglie non sarà un passaggio molto faticoso.

Come smacchiare i sassi

Ghiaia

Se cercate invece di lavare i sassi esistono varie soluzioni adatte ai diversi tipi di ciottolato. I sassi sono porosi, quindi è facile che si macchino e cambino un po’ di tonalità. Potrete scegliere se impiegare nella pulizia sostanze chimiche o naturali, ma guardiamo nello specifico i casi.

  • Se il vostro ciottolato è composto da sassi piccoli, è consigliabile dotarsi di una scopa a setole dure, acqua e bicarbonato. Passare una scopa a setole dure sulle vostre pietre sarà sufficiente a rimuovere la maggior parte delle macchie sui sassi. Ci vorrà dell’olio di gomito ma ne varrà la pena.
  • Se avete il ciottolato molto chiaro, o addirittura bianco, potrete fare lo stesso procedimento aggiungendoci magari della candeggina. L’azione sbiancante della candeggina darà nuova vita al colore delle vostre pietre, e il vostro giardino sarà nuovamente pulitissimo.
  • Se il vostro ciottolato è composto da pietre grandi e facilmente spostabili, si consiglia di immergerle direttamente in una soluzione composta da acqua calda, sbiancanti, bicarbonato (che abbiamo già visto essere in grado addirittura di sbiancare i sanitari del bagno o disincostrare un box doccia) e magari una saponetta. Nel caso in cui abbiate tempo, lasciate agire la soluzione sui sassi per qualche ora. Strofinandoli un po’ con una spazzola o una spugna ruvida torneranno come nuovi. Ricordatevi di sciacquarli prima di riposizionarli in giardino. Questo metodo è per veri perfezionisti.

Tuttavia quando si tratta di agenti sbiancanti è consigliabile agire con cautela. I prodotti chimici rischiano di essere nocivi per il verde del giardino, ecco perchè noi consigliamo di fare prima dei tentativi con agenti naturali.