Come pulire un pavimento in cotto con gli strumenti e i prodotti giusti

Per quanto sia piacevole a vedersi, è bene sapere che il cotto è un tipo di pavimento che tende a sporcarsi molto facilmente essendo composto da terracotta, un materiale che è propenso ad assorbire qualsiasi tipo di liquido o sostanza che ne entri a contatto. Necessita dunque di una persistente attenzione e soprattutto di una tempestiva pulizia per evitare che si formino aloni indelebili.

Pulizia di un pavimento in cotto

Come primo passo è necessario che il pavimento sia pulito dalla polvere almeno una volta al giorno attraverso l’ausilio di una scopa o di un aspirapolvere elettrico, per evitare che ulteriore sporco o batteri rimangano sulla superficie.

Dopo esserci sbarazzati della polvere presente sul pavimento è il momento di passare al lavaggio. Si possono scegliere diversi attrezzi di pulizia: il mocio, uno straccio con la scopa o addirittura un panno a mano (quest’ultimo può essere il più delicato ma più stancante a livello fisico), tutti accompagnati da un secchio riempito d’acqua.

secchio per lavare pavimento

A questo punto bisogna avere a portata di mano un detergente specifico, neutro, per pavimenti in cotto. È molto importante che sia neutro per evitare di danneggiare il pavimento, agendo in maniera troppo aggressiva. A seconda del tipo di detersivo utilizzato bisogna seguire le istruzioni specifiche riportate sulla confezione. Generalmente si deve diluire il prodotto nell’acqua per lenirne la concentrazione. Il panno che si passa sul cotto è fondamentale sia ben strizzato, per evitare che il pavimento assorba troppi liquidi in eccesso.

Asciugatura

Appena finito di lavare il pavimento bisogna asciugarlo con cautela, strizzando lo stesso straccio o sostituendolo con uno nuovo completamente asciutto, assicurandoci che non vi siano grandi chiazze di bagnato evidenti.

Finito quest’ultimo step è consigliabile lasciare ”riposare” il pavimento per almeno una mezz’ora, affinché vi sia la certezza che si è completamente asciugato.

Lucidatura

A questo punto, il nostro pavimento in cotto dovrebbe essere privo di germi e pulito già a prima vista. Sempre in base al proprio tipo di pavimento, che sia stato trattato in precedenza o meno, è possibile notare che col tempo esso tende ad opacizzarsi e perdere quello ”scintillio” iniziale, ammesso che il vostro non sia opaco per scelta. Prima di procedere però, è consigliabile far passare qualche giorno per la lucidatura in quanto il pavimento ha già assorbito in precedenza il detersivo per il lavaggio.

L’occorrente per una buona lucidatura è il seguente:

  • un pennello di medie dimensioni (o grandi, a scelta) di setole dure, non morbide;
  • della vernice per pavimenti, preferibilmente trasparente;
  • una soluzione lucidante per pavimenti in cotto.

A differenza del detersivo usato per il lavaggio, non è indispensabile diluire la vernice per la lucidatura, in quanto quest’ultima è già pronta all’uso. Con il pennello intinto nel secchio si può iniziare la lucidatura: è consigliabile partire da un angolo verso l’opposto con pennellate rivolte tutte nello stesso verso per avere una stesura omogenea. Solitamente le passate per la lucidatura sono due, tre al massimo, e lo ”spessore” della stesura è a scelta, se più sottile o abbondante.

Finita la lucidatura, e lasciato arieggiare il pavimento per qualche ora, è possibile passare un veloce, e non troppo ricco di acqua, strato di detersivo (come per il lavaggio). Anche qui, infine, è molto importante il tempo di asciugatura che garantisce un mantenimento fino a tre mesi. La chiave per un pavimento pulito, lucido e ”armonioso” è proprio una buona asciugatura. Essa diminuirà drasticamente l’effetto dello sporco o del calpestio delle scarpe, attribuendo maggiore senso del pulito ai nostri occhi.

pavimento in cotto 2

Pavimento in cotto esterno

Abbiamo già accennato come lavare un pavimento esterno ruvido, ma per il pavimento in cotto liscio qualche indicazione specifica è importante. A differenza di quello interno, per il pavimento esterno è opportuno utilizzare del sapone di marsiglia per il lavaggio, con lo stesso procedimento utilizzato precedentemente, ma passando lo straccio energicamente, essendo il pavimento esposto all’esterno (come per un terrazzo, un balcone, il bordo piscina ecc).

Il pavimento in cotto posizionato all’esterno potrebbe richiedere più tempo per una totale ed efficace pulizia, essendo chiaramente più esposto alle intemperie e allo sporco.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO