Come rimuovere gli adevisi murali in pochi semplici step.

Rimuovere un adesivo murale? Mai stato così facile!

Contrariamente a quello che si potrebbe credere, rimuovere un adesivo murale rappresenta un’operazione che necessita di pochi semplici passaggi. Seguendo questa breve guida, oltre a riuscire ad eliminare gli adesivi, non rovinerai in alcun modo la superficie da trattare.

Gli adesivi murali: si possono staccare facilmente?

Gli adesivi murali vengono pensati appositamente per poter resistere al trascorrere del tempo. Tuttavia è possibile che arrivi il momento in cui l’incombenza o il gusto personale impongano la volontà di rimuoverli una volta per tutte.

La facilità di rimozione degli adesivi murali è una delle domande più gettonate tra le mamme che, prima di ornare la stanza dei propri bambini, si chiedono quanto un futuro cambio di stile dell’ambiente possa comportare un lavoro lungo e laborioso di rimozione degli sticker.

Ci sentiamo perciò di rassicurare coloro che hanno questo dubbio: gli sticker murali, specialmente quelli di buona qualità, possono essere staccati dalla parete con estrema facilità. Ma come si fa? In seguito una guida utile a proposito.

Come eliminare gli sticker murali: procedura

1 – La fase preliminare

Prima di tutto, cosa buona e giusta è munirsi di un normalissimo asciugacapelli, di una lama appuntita e di un panno. Tenete tutto l’occorrente vicino a voi e preparatevi alla fase di preparazione della rimozione dello sticker.

Il phon servirà scaldare l’adesivo. Il calore emanato, infatti, seccherà la colla che tiene ancorato l’adesivo al muro, facilitandone quindi una sua completa rimozione. Abbiate pazienza: togliere l’adesivo con eccessiva fretta non farebbe che lasciare fastidiosi residui, più complicati da eliminare in seguito.

L’adesivo va scaldato accuratamente ed in maniera uniforme. A seconda dell’adesivo, un semplice riscaldamento col phon potrebbe permettervi di rimuoverlo semplicemente con le mani. Perciò, dopo averlo portato ad alta temperatura, provate a staccarlo con la massima delicatezza possibile. Tuttavia, se lo sticker non viene subito via, insistere non servirebbe a nulla. In questa fase potrebbe tornarvi utile la lama appuntita, con cui raschiare delicatamente l’angolo da afferrare.

2 – La fase di rimozione

Se l’adesivo non viene subito via, è ora di passare alle maniere un po’ più forti. In questa fase, sarebbe appropriato munirsi di un oggetto che sia tanto lungo quando sottile. Un coltello o una spatola potrebbero essere più che sufficienti, non soltanto a tener sollevata l’estremità dell’adesivo, ma anche per impugnarlo senza tralasciare alcun lembo. Se lo sticker fa resistenza, forzare si rivelerebbe un gesto avventato.

Un raschietto come questo, potrà esservi molto utile per la rimozione degli adesivi murali.

Armatevi di pazienza, e mettete nuovamente in funzione il phon nella parte a diretto contatto con la spatola, specialmente qualora la colla si rivelasse fredda al tatto. Ripetete iterativamaente l’operazione finché tutto lo sticker non si staccherà.

3 – Via anche i residui

L’evenienza che eventuali residui di colla rimangano fissati al muro è molto frequente. Mai disperare però. Se accade, basta prendere un panno leggermente umido, strofinare ed il gioco è fatto. Il risultato sarà una parete finalmente pulita.

A seconda del tipo di parete e di adesivo, tuttavia, si potrebbe presentare uno spiacevole effetto collaterale. Lo sticker, dopo la sua rimozione, potrebbe infatti aver lasciato un colore della tinta della parete leggermente differente rispetto alla restante superficie del muro. Se è così, tinteggiare di nuovo o applicare un nuovo adesivo sono le uniche soluzioni fattibili.

Scegliere la superficie giusta

A conferma della loro estrema duttilità, è bene ricordare che, generalmente, gli sticker murali si adattano alla perfezione alle superfici di ogni materiale, senza danneggiarle. Dal vetro alle piastrelle, fino ad arrivare ai mobili, tali sticker richiedono solo una buona dose di fantasia e di buon gusto nella scelta, oltre che di pazienza nell’applicazione. Tuttavia, nel momento in cui deciderete di utilizzare gli adesivi murali nella vostra stanza, il consiglio è di accertarsi che la superficie di applicazione abbia il più possibile una consistenza liscia, in mancanza della quale la colla non riuscirebbe a fare presa. 

Se lo sticker non va via…

Nei casi più difficili, un altro metodo degno di nota consiste nell’applicare sullo sticker un solvente apposito, reperibile in qualsiasi negozio specializzato. Per fare in modo che questo possa essere utilizzabile, esso deve essere diluito con acqua, e disteso sull’adesivo con l’aiuto di un pennello.

Dopo un’attesa di circa una ventina di minuti, non appena l’adesivo si mostrerà completamente inzuppato, sarà il momento di passare alla sua rimozione.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO