Come si può insonorizzare una parete? Soluzioni professionali e fai da te

Una delle cose più importanti a cui chi si appresta a vivere in un condominio deve abituarsi, è la convivenza con i rumori. Che sia un condominio grande o piccolo, che sia un appartamento rivolto verso la strada o verso un cortile interno, inevitabilmente verrete “disturbati” dalle innumerevoli fonti di rumore che vi circondano. Se all’inizio questa problematica può non arrecare troppo disturbo, a lungo andare c’è il rischio che diventi un vero e proprio pallino degli inquilini dell’appartamento.

Negli ultimi decenni, architetti e ingegneri si sono impegnati a trovare soluzioni in grado di garantirci un adeguato isolamento acustico. Quando si progetta infatti, i tecnici inseriscono già, nel computo delle lavorazioni, la parte volta a isolare gli ambienti attraverso sistemi tecnologici e materiali avanzati.

Ma quando compriamo una casa già esistente, magari molto vecchia, è probabile che le tecnologie dell’epoca in cui è stata costruita non fossero in grado di garantire un sufficiente isolamento acustico. In questo caso infatti ci si ritrova in breve tempo a consultare siti, imprese e professionisti in grado di trovare una soluzione ai fastidiosi rumori degli ambienti circostanti, ossia quella di realizzare pareti o sistemi in grado di aiutarci a isolare i nostri ambienti. Vediamo quindi tutto quello che c’è da sapere sull’insonorizzazione delle pareti.

silenzio

I materiali

Come abbiamo visto parlando dell’isolamento acustico dei pavimenti, è importante conoscere la distinzione tra materiali fonoisolanti e fonoassorbenti.

I materiali fonoassorbenti impediscono alle onde sonore di diffondersi e vengono scelti sopratutto per avvolgere quegli ambienti dove vogliamo una migliore qualità del suono: basti pensare a come è fatta una cabina regia di una radio, oppure un cinema. Migliorano quindi l’acustica interna di un ambiente per l’ascolto dei suoni in essa prodotti, perchè evitano echi e rimbombi. I materiali fonoisolanti invece, sono i più usati e servono specificatamente come si evince anche dal loro nome, a isolare l’ambiente dai rumori provenienti dall’esterno.

I metodi per insonorizzare una parete

Ovviamente, quando si progetta o si ristruttura una casa con un architetto o con una figura tecnica verrete aiutati a scegliere la soluzione migliori
e per insonorizzare le pareti della vostra casa.

La prima soluzione è quella dei tramezzi in muratura o cartongesso, dotati di uno strato fonoisolante realizzato con materiali in grado di “proteggerci” dall’inquinamento acustico come la lana di roccia o molto più semplicemente il sughero. Questa è forse la soluzione più efficace ma allo stesso tempo anche la più costosa, non solo per la fornitura dei materiali ma sopratutto per il compenso all’impresa o al tecnico che effettuerà la posa.

pannello per isolamento acustico

Abbiamo poi la possibilità di usare dei pannelli fonoassorbenti in grado di essere applicati direttamente sulla parete esistente. Per chi ha deciso di fare i lavori autonomamente senza l’aiuto di un tecnico questa risulta essere la scelta economicamente più vantaggiosa oltre che la più veloce.

Abbiamo poi la possibilità di ricoprire la parete (o anche il panello fonoassorbente) con dei pannelli in legno. Sì, con il legno è possibile anche realizzare un telaio su cui poi fissare pannelli o altri materiali in modo tale da realizzare in maniera facile e veloce, una piccola parete isolante.

Infine, se nella parete sono presenti delle finestre sarà necessario isolare i serramenti (sopratutto se parliamo di edifici vecchi che hanno finestre che non isolano bene né acusticamente ne termicamente). Lo stesso discorso vale se è presente una porta.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO