Come spostare un armadio pesante senza farsi male alla schiena

Rinnovare la disposizione dei mobili è come portare una boccata d’aria fresca all’interno di un’abitazione, specie in ambienti piccoli in cui la distribuzione degli spazi è calcolata al millimetro.

Nonostante da un punto di vista puramente psicologico cambiare o spostare l’arredamento siano pratiche assolutamente benefiche, spesso la spina dorsale potrebbe pensarla diversamente.

Che sia per far spazio a un mobile nuovo, magari su misura, per un trasloco o per un semplice rinnovo della stanza, vediamo qualche metodo e consiglio per spostare un armadio pesante, senza fare sforzi di cui ci pentiremmo in tutti i giorni seguenti.

Ridurre il peso al minimo

Armadio camera da letto bianco

Nonostante un armadio sia vuoto, spesso basta togliere un paio di viti o spostare qualche incastro affinché mensole e ripiani diventino rimovibili. Ciò andrebbe ad influenzare il peso in maniera considerevole, ma, specie in mobilio molto economico, potrebbe anche ridurre la stabilità strutturale e rendere più difficoltose le operazioni. Se avete realizzato voi l’armadio in legno, non avrete difficoltà a smontare e rimontare tutto.

In ogni caso è sempre consigliato distribuire la maggior parte del peso nella zona bassa del mobile da spostare, così che, spingendolo, il baricentro sia sempre in basso.

Assicurarsi di non graffiare il pavimento

Che si tratti di parquet o di mattonelle, graffiare il pavimento non è mai piacevole e spesso non vale nemmeno la pena intervenire per restaurarne le condizioni, lasciando quegli antiestetici segni per anni. I piedini in gomma aiutano solamente fino ad un certo punto e spesso risultano nell’effetto contrario, rendendo più difficoltose le operazioni di spostamento a causa del maggiore attrito.

Per ovviare ad entrambi i problemi, una buona soluzione potrebbe essere sollevare leggermente la base del mobile e, alzandone angolo dopo angolo, inserire alla base un vecchio tappeto ormai da buttare, preferibilmente liscio così che non aderisca al terreno.

Lavorando in due, con una persona che tira ed una che spinge, è possibile spostare armadi molto pesanti ed ingombranti senza fare sforzi enormi e ritrovarsi bloccati con la schiena.

In questo caso è ancora più importante distribuire bene il peso alla base, evitando che la struttura possa sbilanciarsi in qualche direzione e cadere in testa a chi lo sta trascinando. Una volta spostato basterà alzare nuovamente il mobile angolo dopo angolo per rimuovere il tappeto e sistemarlo in posizione.

Carrelli

Armadio vuoto per essere spostato

Nel caso di mobili molto pesanti o molto ingombranti non è sufficiente utilizzare trucchetti casalinghi ed è necessario affidarsi a qualcosa di più sostanzioso.

Chi effettua traslochi solitamente utilizza dei carrellini molto sottili, dotati di piccole ruote da posizionare al di sotto delle parti più pesanti. Proprio come nel caso del tappeto, lavorando per inserire quattro di questi carrellini agli estremi della base, facendoli scivolare e aderire alla parte inferiore, si riesce a creare un appoggio stabile.

Le ruote faciliteranno lo spostamento senza faticare e senza rischiare che l’armadio si rovesci. Strumenti di questo tipo sono molto resistenti e possono sopportare pesi anche di svariate centinaia di chilogrammi.

Smontaggio

Dopo aver elencato le strategie più comuni per muovere un mobile, non rimane che prendere in considerazione anche di smontarlo e rimontarlo interamente. Passaggi stretti, porte basse o trombe delle scale possono rendere molto difficile lo spostamento e richiedono ben più che qualche strategia ben congegnata.

Molto spesso per evitare di danneggiare pareti o cornici delle porte è molto meglio prendere in considerazione lo smontaggio totale o parziale, procedura che, se fatta con i giusti strumenti, paradossalmente potrebbe addirittura richiedere meno tempo rispetto a quanto si impiegherebbe muovendo l’intero armadio.

Mentre i pezzi d’arredamento più vecchi o economici possono risentire negativamente di montaggio e smontaggio (viti che girano a vuoto, incastri non funzionali), una soluzione di questo tipo è altamente consigliata per tutti quei mobili di buona fattura che possono essere trattati con facilità.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO