Facciata ventilata: cos’è, come viene fatta, pro e contro e quanto costa

La facciata ventilata è una soluzione moderna dell’architettura sostenibile. Gli edifici non adeguatamente isolati provocano una notevole perdita di energia nelle abitazioni con conseguente maggiore impatto ambientale.

Attraverso la facciata ventilata viene creata una camera d’aria sulla parte esterna dell’immobile che favorisce l’isolamento e al tempo stesso contrasta la formazione di condensa e conseguente muffa, migliorando l’efficienza energetica degli edifici. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

facciata ventilata

Cos’è e come si realizza la facciata ventilata?

É un sistema costruttivo che serve ad eliminare i problemi causati da ponti termici e condensa. Questo è possibile ottenerlo attraverso una camera ventilata che si crea tra il rivestimento e l’isolante. Il sistema della facciata ventilata è costituito da una parete portante, uno strato isolante e un materiale di rivestimento. Si andrà a creare una camera d’aria non sigillata tr a la parete portante e il materiale di rivestimento, che consente una corretta ventilazione.

Muro di sostegno

É importante che il muro di sostegno sia stabile per sostenere il peso del rivestimento e garantire la stabilità dell’edificio. In genere è realizzato in legno, mattoni e cemento.

Camera d’aria

La camera d’aria è costituita da un’apertura in alto e una in basso, che permettono all’aria di circolare in modo continuativo. Per evitare una diminuzione dell’efficacia dell’isolamento, è opportuno che le aperture siano ben protette e siano in grado di impedire l’ingresso dell’acqua. Nell’apertura inferiore è incorporato un profilo forato che oltre a permettere la ventilazione attraverso i suoi buchi, fornisce una protezione anti-roditore.

Nell’apertura superiore viene installata una lamiera che evita l’entrata di acqua, ma lascia l’adeguato spazio per consentire una ventilazione costante. Affinché la camera d’aria faccia bene il suo lavoro è necessario che sia larga almeno 2 cm. In questo spazio intermedio, come effetto delle differenze di temperatura, si verifica un fenomeno di convezione naturale (effetto pila o camino), che in estate fa salire l’aria calda, mentre la camera d’aria si rinnova con aria fredda.

In inverno l’aria avendo una temperatura bassa non riesce a salire, di conseguenza l’aria nella camera non si rinnova e il calore che proviene dall’interno, viene trattenuto dallo strato isolante. Il questo modo nei mesi più caldi si evita il surriscaldamento, mentre nei periodi freddi il calore viene trattenuto all’interno della casa.

Strato isolante

Nel caso di facciata ventilata, la coibentazione dell’edificio va fatta all’esterno, al contrario per esempio del cappotto termico interno. In commercio esistono diverse varietà di isolanti. La tipologia e lo spessore del materiale vengono scelti in base alle esigenze dell’opera, tenendo conto del genere di costruzione, l’orientamento, l’ubicazione e altro ancora.

Materiale di rivestimento

Per il rivestimento esterno possono essere utilizzati diversi materiali come ad esempio la ceramica, il legno, l’ardesia naturale, la pietra o il metallo. La cosa importante è che sia un materiale di qualità, durevole, resistente e che migliori la funzionalità e l’efficienza della facciata ventilata.

Fasi di posa

Il rivestimento di facciata ventilata richiede l’impiego di manodopera specializzata e deve fare riferimento a un progetto condotto da professionisti abilitati. All’inizio è necessario procedere a verifiche preliminari che interessano il controllo accurato delle strutture dove verranno posati i pannelli. L’intonaco esterno dell’edificio dovrà essere sufficientemente resistente per consentire l’ancoraggio delle sotto-strutture.

Per la posa in opera di una facciata ventilata sono necessari:

  • Progettazione della facciata che riguarda le forme, il materiale di rivestimento, i colori ecc..;
  • Progettazione funzionale con particolare attenzione allo spessore della camera d’aria, al tipo di materiale isolante e spessore;
  • Progettazione esecutiva che interessa l’ancoraggio, sistemi di fissaggio, sotto-struttura, collaudo del carico dinamico e statico;
  • Posa in opera della sotto-struttura;
  • Posa in opera del materiale isolante;
  • Posa in opera del rivestimento di facciata;
  • Realizzazione delle finiture attorno alle finestre, portoni, porte e sporgenze.

Vantaggi di una facciata ventilata

Ecco alcuni dei vantaggi dell’installazione di un rivestimento per facciate:

  • Risparmio energetico. Grazie alla camera d’aria, uno dei vantaggi delle facciate ventilate sono il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio, con un evidente risparmio economico sulle bollette;
  • Maggiore isolamento termico e acustico. Questo sistema di rivestimento garantisce un migliore isolamento termico e acustico, portando all’interno dell’immobile un maggiore comfort;
  • Ambiente più salubre. Il sistema soddisfa oltretutto i requisiti sanitari di base in termini di igiene, salute e protezione dell’ambiente;
  • Durabilità tecnica. Il sistema di rivestimento previene i danni che le intemperie e le temperature calde possono arrecare alle pareti a lungo termine, proteggendole da tutte le patologie che colpiscono gli edifici costruiti.

Svantaggi di una facciata ventilata

Le facciate ventilate presentano diversi vantaggi ma anche qualche svantaggio che non va sottovalutato:

  • Prezzo. Per questo genere di rivestimento bisogna affrontare un costo non indifferente, oggi alleggerito grazie agli Ecobonus e Superbonus 110. Spesso si preferisce optare per un semplice cappotto termico esterno, proprio perché più economico;
  • Ampiezza di spazi. Occorre valutare bene gli spazi poiché la realizzazione del rivestimento amplia la superficie complessiva occupata dall’immobile;
  • Rischi. Il rischio di propagazione delle fiamme è elevato in caso di incendio, per mitigare la criticità è necessario scegliere i materiali idonei, verificate sempre questo aspetto con chi si occupa della progettazione.

Quanto costa realizzare una facciata ventilata

La nota dolente di una facciata ventilata è proprio il prezzo.  Se viene realizzata con pannelli in poliesterene stampato il costo si aggira tra i 18€ e i 65€ a mq. Nel caso vengano utilizzati pannelli in legno la forbice è compresa tra 45€ e 160€ a mq. Se si opta per pannelli in gres porcellanato o marmo il costo è compreso tra 30€ e 150€ a mq.