La scelta del pavimento in marmo per la casa: le cose da sapere

Il marmo è uno dei materiali più apprezzati per la realizzazione di pavimentazioni di qualità e ne esistono tantissime varietà differenti, con caratteristiche e colori molto suggestivi.

Si tratta anche di un tipo di pietra molto costoso e che presenta diverse criticità dal punto di vista della resistenza in particolare ad acidi, smog e detergenti che possono rovinarne la consistenza. Abbiamo infatti già visto quante cure richieda un pavimento in marmo rispetto alle altre tipologie di pavimento che possiamo scegliere per la casa.

Quali sono i diversi tipi di marmo?

Pavimento marmo bianco

È una forma del carbonato di calcio che è presente in tantissime varietà in natura. Zone differenti offrono materiali con granulosità e venature differenti.

In alcuni casi la pietra ha una struttura estremamente liscia che consente di ottenere piastrelle uniformi, mentre in altri bisogna compensare le difettosità e la presenza di buchi, un esempio è il travertino.

Quello più famoso sicuramente è il bianco statuario di Carrara, che raggiunge prezzi insostenibili ed è poco usato per la pavimentazione. Tra i vari marmi che si possono trovare comunemente in Italia si possono annoverare:

  • l’Adria, con un colore pastello tendente al nocciola e che può essere con o senza venature;
  • il Botticino, famoso anche della tipologia fiorita oltre che in quella classica con le venature a zig zag. Le brecce, invece hanno un aspetto di pietra compattata e poco uniforme;
  • ci sono poi i travertini, che possono presentare buchi più o meno grandi e il preziosissimo giallo il Siena, che deve gran parte del suo valore non soltanto alla rarità, ma anche al fatto che è difficile trovare lastre con superficie liscia;
  • abbiamo poi i marmi scuri come il grigio carnico, la pietra di Cardoso e gli ionici marroni, il nero Marquinha oppure i rossi come il Levanto, il Lepanto e il Francia, fino ad arrivare a varie tipologie di marmo arabescato e stratificato.

La lista potrebbe essere infinita quindi la cosa migliore è vedere dei campioni di persona, anche perché le sfumature sono davvero molto particolari e i cambi colore ben apprezzabili solo di persona.

Come si pavimenta con il marmo

Marmo scuro

Il marmo può essere utilizzato in piastrelle di varia dimensione, più o meno grandi in base ai gusti personali. Si ha una certa libertà di scelta, ma trattandosi di materiale rigido, più grandi sono le lastre più è facile che si presentino rotture e crepe con il tempo. Quindi bisogna valutare insieme alla ditta le dimensioni massime. Per fortuna gran parte dei produttori forniscono già i pretagliati in misura ottimale, per evitare questa incombenza.

Il marmo di solito non si utilizza nudo, perché si tratta di una pietra che è soggetta a corrosione da parte di agenti chimici che lo trasformano in bicarbonato di calcio farinoso e anche dell’usura.

Si preferisce ricoprirlo con una sottile patina di una resina protettiva e trasparente. In questo caso è un passaggio necessario ma obbliga a un intervento di restauro periodico che prevede la rimozione dello strato vecchio e la sostituzione con uno nuovo, per preservare il materiale sottostante.

Serve anche a ovviare al problema dell’ingiallimento della resina. È un fattore che deve essere tenuto in considerazione e che dipende fortemente dall’esposizione alla luce solare diretta. Si trovano anche soluzioni composite con lamine in resina e strato di marmo a volte messe in campo da aziende all’avanguardia che provvedono a fornire piastrelle che rendano il marmo compatibile anche con le pavimentazioni riscaldate.

Bisogna considerare il fatto che il marmo massiccio è un materiale abbastanza freddo e che non sempre è compatibile con la tecnologia attuale. Per esempio non è indicato se si vuole un riscaldamento a pavimento.

Perché scegliere il marmo?

Un pavimento realizzato in questo materiale non è sicuramente economico, ma la qualità del materiale si fa sentire. Robustissimo, se trattato non teme effetti del tempo e in un appartamento e una villa si può avere la certezza di una condizione perfetta per tutta la vita.

È un materiale vivo, con colori splendidi e una texture unica, in grado di decorare e arredare. Non si deforma col caldo e a parte il bisogno di resinarlo, non può sbiadire o cambiare colore. Se per un caso sfortunato dovesse graffiarsi, con una lucidatrice il problema si risolve in pochi minuti.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO