Le lampade a batteria: una soluzione portatile, pratica e stilosa

In studio e in camera da letto, sulla scrivania o sul comodino, le lampade a batteria hanno il giusto mix di funzionalità e stile che permette di illuminare ogni angolo della casa e aggiungere un tocco di personalizzazione in maniera estremamente versatile.

Basta un piccolo punto luce per dare nuova vita a un ambiente poco illuminato, renderlo più accogliente e caloroso e donare carattere all’arredo. Le lampade a batteria sono ovviamente la soluzione perfetta per illuminare quell’angolo sempre buio che non ha una presa elettrica vicina, ma i loro utilizzi sono davvero tanti, e aiutano a illuminare la casa senza l’utilizzo dei lampadari. Nella scelta della lampada portatile, vanno tenuti in considerazione alcuni importanti fattori tra cui lo stile, le dimensioni e, ovviamente, la funzionalità.

lampada portatile da tavolo

Lo stile e le tipologie della lampada a batteria

Essendo dei complementi d’arredo che danno gusto alla stanza, ma soprattutto che permettono di spostare il punto luce da un angolo all’altro, possono essere particolarmente utili, per esempio, in una camera da letto o nella cameretta dei bambini. La giusta lampada a batteria si tiene sullo scrittoio o sulla scrivania quando serve e poi si sposta sul comodino per creare atmosfera. In questo caso sarà indispensabile che abbia delle piccole dimensioni e un grande potere illuminante: facile da trasportare e da posizionare su qualsiasi mobile, darà il giusto grado di luminosità alla zona. La si può usare anche in altre zone della casa: lo studio, il soggiorno, un angolo lettura che riceve poca luce naturale o che necessita di un’atmosfera più accogliente durante le serate di relax.

Il fulcro di questo oggetto di design è la facilità con cui lo si può spostare in ogni punto della casa. Sarebbe bene, quindi, scegliere uno stile facilmente abbinabile a qualsiasi tipo di arredamento. Le lampade a batteria di design dalle linee minimali e dai colori neutri sono perfette per questo scopo. Accendono un angolo buio senza invaderne l’estetica. Allo stesso tempo, puntare invece su un oggetto dal design particolare ed eccentrico vuol dire raccontare un piccolo segreto della propria personalità tramite colori, forme, linee. Una nuance particolarmente accesa, toni pastello e romantici, linee vintage o forme astratte di design permettono alla lampada portatile di diventare protagonista dell’angolo in cui la si colloca.

lampada a batteria piantana

Abbiamo parlato di lampade a batteria da tavolo, ma questo tipo di alimentazione può risultare comodo anche per le piantane o le soluzioni sospese. Anche in questo caso, a dare quel quid in più è la possibilità di spostare il punto luce senza tener conto della posizione delle prese. Così una lampada a terra lineare e basic diventa punto luce in uno studio, illuminazione d’atmosfera nel salotto, fulcro di un angolo della casa poco sfruttato. La piantana riempie lo spazio in maniera discreta, illumina zone buie e crea piacevoli giochi di ombre sulle pareti più spoglie. Se volete vedere degli esempi di lampade portatili versatili e di design, che sono dei veri e propri complementi di arredo che possono essere sia da tavolo che piantana o lampada appesa al muro, date uno sguardo alle lampade a batteria di axolight.it.

Infine, un utilizzo perfetto per le lampade a batteria è negli ambienti esterni. Che si tratti di un pergolato o di un giardino da illuminare, una soluzione a batteria è sicuramente estremamente funzionale e versatile. In questo caso è fondamentale verificare che le lampade siano in grado di resistere all’acqua, al vento e agli agenti atmosferici. Le soluzioni a batteria sono perfette per tutte quelle aree esterne in cui non è semplice posizionare delle lampade alimentate a energia elettrica, soprattutto se non si è pensato a questa necessità al momento della progettazione del giardino e delle aree più lontane dalla casa.

La tecnologia dietro le lampade portatili

Il consiglio è di scegliere una lampada con tecnologia LED, perché come abbiamo già visto porta con sé tantissimi vantaggi, tra cui riassumiamo i principali:

  • non si surriscalda, quindi oltre a non aumentare la temperatura della stanza, non brucia se la si tocca e non rovina gli oggetti vicini per via del calore. Inoltre, questo consente alla lampada di essere montata su supporti di tantissimi materiali, come i faretti in gesso per esempio;
  • è più efficiente, consuma di meno e illumina di più;
  • dura di più ed è quindi più ecologica.

Essendo portatile sarà ovviamente dotata di batteria, che si dovrà ricaricare solitamente tramite cavo USB. Per l’esterno esistono anche delle tipologie con batteria a ricarica solare.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO