Manutenzione piscina fuori terra: come si fa e le cose da sapere

Le piscine fuori terra sono delle alternative più che valide alle piscine interrate, forniscono lo stesso servizio ad un prezzo molto più accessibile. Sono molto apprezzate anche per la semplicità nel montarle, che cambia a seconda del modello, per via dei materiali e delle strutture differenti ma sommariamente il percorso da seguire è molto semplice.

C’è da dire però, che esse hanno bisogno di interventi di pulizia e manutenzione periodici per garantirne l’igiene e la sicurezza nell’utilizzo. Effettuare la pulizia della piscina in modo regolare è molto importante, sia perchè questa non si rovini, sia per la sicurezza dei bagnanti.

È possibile lasciarle all’esterno anche d’inverno, sarà però necessario coprirle e procedere a una corretta pulizia e manutenzione. In questo articolo verranno trattate varie regole che bisogna seguire per disinfettare e rendere sicure le piscine fuori terra. Dobbiamo però precisare che tutte le informazioni sulla manutenzione e la pulizia che verranno spiegate sono indicazioni generali, poiché esse possono variare a seconda dell’ambiente circostante, della grandezza della piscina e dei materiali di cui è composta.

Prodotti da utilizzare

Parliamo di prodotti grazie ai quali la piscina rimane igienizzata e sicura per chi la utilizza. Ovviamente il cloro è l’elemento fondamentale. Si tratta di un importante agente chimico che serve per la depurazione dell’acqua da germi e batteri. Grazie alle sue proprietà battericide, è il più utilizzato per l’igiene dell’acqua della piscina. Il cloro può essere trovato sul mercato sotto forma di pastiglie, in di-cloruro granulare e in polvere.

bagnante acqua piscina

Prima e dopo l’applicazione del prodotto si deve misurare il pH tramite dei kit appositi, il valore ideale da mantenere è compreso tra 7,2 e 7,6. Questo valore non va superato, per evitare danni ai bagnanti, come irritazioni ad occhi e pelle, mentre non si dovrebbe metterne meno per essere sicuri che il prodotto faccia effetto correttamente. La dose del cloro da utilizzare dipende dalla capienza della piscina, generalmente la quantità consigliata è dai 10 ai 15 gr per metro cubo di acqua.

Le pastiglie si pongono nell’acqua, dopodiché si attende che esse si sciolgano e facciano effetto. Di solito si pone la pastiglia sulla testa flottante dello skimmer con la pompa in funzione, in modo tale che il prodotto possa propagarsi in tutta la piscina.

Un altro sistema prevede l’utilizzo del floater, un sistema automatico della regolazione del cloro nell’acqua, a seconda dell’impostazione già stabilita il dispositivo rilascia la giusta quantità di cloro.

Regole da seguire per una corretta manutenzione

La piscina va pulita ogni giorno da eventuali foglie ed insetti, che vi finiscono all’interno, per fare questa operazione si può utilizzare un apposito retino.

Una volta a settimana è invece necessario spazzolare le pareti della piscina e lavare filtri e prefiltri. Nella stessa occasione sarà opportuno pulire anche il fondo della piscina.

Nel periodo in cui la piscina viene utilizzata più spesso è consigliabile pulire la cartuccia del filtro quotidianamente e cambiarla una volta a settimana.

acqua piscina

Una cosa da fare se si vuole mantenere l’acqua della piscina pulita è evitare di mettere oli abbronzanti, creme protettive e lozioni, perché con in sole possono causare macchie nell’acqua della piscina e possono formare una pellicola oleosa sulla superficie. Un modo per far in modo che ciò non accada è fare la doccia prima di entrare in piscina così il prodotto in eccesso possa essere eliminato.

Coprire la piscina con un telo quando essa non viene utilizzata è un altro modo per prevenire che si formino macchie nell’acqua ma anche per evitare che vi cadano all’interno foglie ed insetti.

Un’altra cosa altrettanto importante è il cambio dell’acqua, ciò dipende da quanto spesso viene utilizzata. C’è da tenere in considerazione che, con l’utilizzo degli appositi disinfettanti e del filtro e con una buona manutenzione l’acqua della piscina, questa potrà essere cambiata più raramente. Inoltre, considerate che l’acqua deve essere cambiata in un luogo sicuro poiché il cloro è dannoso per le piante e gli animali, quindi non potete semplicemente buttarla in giardino.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO