Punture da cimice da letto, acaro, pulci o zanzare? Come distinguerle

Ti svegli la mattina e noti dei pizzichi, comincia così il tormento mattutino che ti porterà a grattarti: le zanzare sono arrivate, penserai. Ma non sono sempre le zanzare a darci il tormento con le loro irritanti, in tutti i sensi, punture. Esistono altri insetti, probabilmente anche più antipatici, in grado di pungerti e farti grattare ovunque, come le cimici da letto, gli acari o le pulci. Come distinguere queste punture da quelle più comuni delle zanzare? Vediamolo insieme.

come distinguere puntura di zanzara

Le punture delle cimici da letto

Il primo segnale per distinguere le punture delle odiosissime cimici da letto dagli altri insetti è facilmente interpretabile: rispetto alle zanzare ad esempio, che seppur pungano più volte, lo fanno in maniera casuale e sparsa, questi insetti, “camminando” pungono a grappolo, quindi troverai molte punture in una zona concentrata di pelle. Se dovessi venire punto dalle cimici da letto troverai quindi queste punture raggruppate, rosse e spesso irritate. L’irritazione può arrivare a diventare particolarmente grave nel caso tu fossi allergico. 

Analizzandole bene, potresti notare che le punture delle cimici somigliano a delle capocchie di spillo, leggermente scure e, nei casi più seri, potresti avere reazioni simili all’orticaria.

Consigli

Effettua un’analisi periodica ed accurata di materasso, cuscini, interstizi delle doghe del letto e comunque in ogni angolo dove potrebbero nascondersi le cimici. Per ispezionare correttamente il materasso, prendi una scheda tipo una carta di credito e raschiala lungo tutta la superficie: se troverai dei residui di insetto, significa che il tuo letto è infestato. Potresti trovare anche degli esoscheletri “abbandonati”.

Sulle cimici da letto ci sono molti falsi miti, che abbiamo affrontato in un altro articolo.

Le punture da acaro

Le dimensioni contano, ma non sempre. Gli acari, tanto piccoli quanto potenzialmente pericolosi, misurano generalmente 0.2/0.3 mm, quindi quasi invisibili ad occhio nudo. Le punture di acaro però non sono delle vere e proprie punture, ma dei piccoli morsi, che appaiono come lesioni cutanee, che ovviamente sono molto fastidiose e creano irritazione.

acaro della polvere

Eccezion fatta per le specie ematofaghe, gli acari generalmente non mordono e non pungono, ma vivono sul tessuto cutaneo cibandosi di sebo e detriti cellulari. Le punture, o meglio le lesioni degli acari, oltre a causare un forte prurito, possono essere l’anticamera di patologie particolarmente serie, come la scabbia e la demodicosi.

Purtroppo il “male” che provocano questi insetti non finisce qui. Spesso si possono comportare come vettori per alcuni microorganismi patogeni che nei casi limite possono portare a lebbra e tifo tropicale. 

Consigli

Le punture da acaro si manifestano come piccoli pomfi arrossati e ravvicinati che causano molto prurito, quindi apparentemente simili a quelle delle cimici.

Per distinguerle dovrai prestare attenzione ad altri segnali simultanei. Se ti accorgi di avere, oltre alle punture, occhi arrossati, starnuti frequenti, attacchi di asma e congestione nasale, probabilmente il tuo ambiente è infestato dagli acari. Di solito a fare allergia sono le feci di questi piccoli animali. È fondamentale prendere alcuni accorgimenti contro gli acari della polvere.

Le punture delle pulci

Altro insetto microscopico (da 1 a 8 mm) la cui puntura può avere conseguenze particolarmente disastrose. Oltre ai fastidi standard dei pruriti, infatti, le pulci possono essere vettori di malattie pericolosissime, quali il tifo murino, la peste bubbonica, la tularemia e la tenia. Senza necessariamente arrivare a queste situazioni limite, le pulci nei soggetti più sensibili possono arrivare a causare delle dermatiti allergiche.

pulce

Nel caso delle pulci, la puntura appare come un minuscolo punto scuro, spesso localizzato nelle zone di gambe e caviglie. Infine l’ultimo indizio è la linearità di eventuali punture ripetute (le pulci camminano, quindi pungono rispettando la linea del loro percorso.)

Consigli

Molto spesso e volentieri le pulci prolificano nelle zone di riposo degli animali e le lettiere (ricorda che tra l’altro, saltano da un animale all’altro fino a 30 cm, con una velocità di 1,9 m/s, quindi sono dei piccoli “missili”). Se hai degli animali casalinghi quali cani e gatti, ricorda di passare molto spesso l’aspirapolvere per aspirare eventuali uova ed infine di buttare il sacchetto a fine operazione.

In conclusione

Considerando le possibili conseguenze delle punture da cimici, da acaro e da pulce, quelle della puntura di zanzara, ti faranno risultare probabilmente la zanzara stessa più simpatica. Eccezion fatta per alcune specie presenti in zone tropicali, gli effetti collaterali della puntura di zanzara si limitano, nella maggior parte dei casi, a tanto prurito e arrossamento delle zone colpite. Buon riposo notturno!

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO